5 passi verso un 2018 felice

Finalmente è arrivato 2018 - l'anno che stavamo aspettando cosi ansiosamente. Dopo aver fatto un piccolo sondaggio sulla mia pagina Instagram, mi sono resa conto che per la maggioranza di noi, 2017 non è andato un granché. Tuttavia, io rimango sempre del pensiero che non c'è nulla che determina se un anno andrà bene o meno tranne che le nostre azioni e le nostre scelte. Possiamo consultare gli astri, leggere l'oroscopo ogni mattina, incolpare le persone attorno a noi, il tempo, la politica - ma infine, se non prendiamo il controllo sulla propria vita, se guarderemo sempre gli altri anziché noi stessi - non andremo da nessuna parte.

Ho chiamato questo post "5 passi verso un 2018 felice", ma è da notare, che la felicità - è uno stato d'animo indipendente dalle condizioni esterne, è un processo, una continuità, ma non un punto d'arrivo. Ma una delle cose che contribuisce a questo stato di felicità ed armonia interiore è la consapevolezza di essere present in questo momento ed avere il potere di trasformare la propria vita. Dunque, spero che per te quest'anno sarà l'anno di realizzazione dei sogni, di risultati, di chiarezza, di sorrisi e di successo. Anzi, sono sicura che lo sarà per te se lo vorrai davvero tanto.

ACQUISTA UNA BUONA AGENDA

Il passo più evidente verso l'organizzazione è il possesso di una bella agenza. Basta stendere sulla carta tutti i piani per un giorno o il futuro prossimo, e subito arriva una piacevole sensazione di sollievo, e tutto il caos dentro la nostra testa inizia ad mettersi in ordine. Un planner di qualità aiuta a non perdere nulla di vista, e carica di motivazione.

Con centinaia di agende e planner che esistano oggi, scegli una che ti piace e che rispecchi la tua personalità.

ELENCA LE COSE DA CAMBIARE, FUORI E DENTRO

Innanzitutto, analizza il tuo 2017. Pensa a tutto quello che non sei riuscito a compiere o, magari, qualcosa che poteva andare diversamente. Chiediti, cosa cambieresti se avessi avuto la possibilità? Scrivilo sotto forma di una lettera a se stesso, ma non con lo scopo di sentire rimpianti per qualcosa che non è andato bene, né elencare i propri lati negativi. Sii buono verso te stesso, nessuno è perfetto. E' necessario per avere più chiarezza e consapevolezza per il futuro, per trarre le lezioni da quello che hai avuto nell'anno passato. Magari non riuscirai ad applicare questi cambiamenti subito nel tuo presente, ma hai tutto l'anno davanti. Un anno meraviglioso.

SCRIVI LE 'GOOD THINGS LISTS'

E' da un po' che ho iniziato a scrivere le GoodThingsLists - le liste delle cose positive che ti siano successe in un particolare periodo. L'ideale sarebbe scriverle ogni fine mese per guardare indietro e realizzare tutte le cose positive, sia piccole che grandi. Spesso, noi ci concentriamo sulla negatività, su quello che non è andato bene, su quello che non abbiamo. Ci immergiamo nella routine giornaliera, tra lavoro e studio, e dimentichiamo quanto è bella la vita. Con liste del genere riesci a capire quante cose positive succedono nella tua vita, che sia un nuovo amico, un acquisto importante, o semplicemente una buona serata trascorsa tra Netflix e biscotti. I piccoli piaceri ci portano tanta felicità: la gioia dopo un buon libro, l'odore della pioggia o un sorriso di uno sconosciuto. Hygge totale. Senti il mondo e goditi la vita. 

ABBIA I SOGNI PIU' PRECISI

Tutto è possibile. E solo chi non ha paura di sognare riesce a raggiungere tutto ciò che desidera. Però, nella formulazione degli obiettivi bisogna essere più precisi possibile: non solo "voler perdere peso", ma "voler perdere 10 chili durante l'anno grazie all'alimentazione corretta e allo sport". Non solo "iscriversi in palestra", ma "frequentare palestra 3 volte a settimana". Non solo "passare gli esami", ma "studiare ogni giorno per 3 ore senza distrazioni". Dunque, non pensare solo all'obiettivo in se, ma anche al modo ed al processo con il quale vorresti arrivare ad esso. Non appena questi sogni saranno pronunciate e formulate bene, le possibilità della loro realizzazione aumenta drasticamente.

ABBANDONA LA TUA 'COMFORT ZONE'

L'abbandono della comfort zone è uno dei punti apparentemente più banali ma allo stesso tempo più importanti e sottovalutati. Si dice, "anno nuovo - vita nuova". Non pensare solo ai piani globali, ma anche allo sviluppo personale. Pensa a tutto quello che probabilmente non avrai mai coraggio di fare, ma vorresti tanto provare. Fare le conoscenze con le persone nuove, saltare con la paracadute, ma letteralmente qualsiasi cosa che ti viene in mente quando dici "chissà se un giorno io...". Pensa - e fai almeno una di queste cose durante i prossimi 12 mesi. Non solo ti sarà utile per scoprire le parti nascoste del tuo carattere, ma anche ti darà maggiore confidenza, dando la sensazione che ce la puoi fare ad ottenere qualunque cosa e risolvere qualsiasi problema che incontrerai.

Inoltre, chiediti "cosa posso fare adesso per rendere questo sogno realtà il più presto possibile". Sapendo che questi obiettivi apparentemente pazzi ed "impossibili" alla fine sono più che reali, ti sentirai più determinato.

Prima dell'arrivo dell'anno nuovo ho chiesto alle persone che conosco quali fossero i loro propositi per l'anno nuovo. Circa 80% ha detto che non ha nessun proposito, perché "poi ci penso che non si sono realizzati e divento triste" oppure "mi mette troppa ansia". Ma, volendo citare la canzone, "if you never try, you'll never know." Credi in te stesso, sii consapevole di ciò che vuoi e non deprimerti se qualcosa non si realizza subito. Tutti i tuoi sogni si realizzeranno, anche quelli più improbabili.

 

Buon 2018!