#goodthingslist / gennaio

Ciao, il primo #goodthingslist del 2019! Non credo che sia già passato il primo mese dell'anno. Sembrava poco fa che eravamo così impegnati nel preparare i regali e decorare la casa, e ora è quasi finito gennaio, e siamo tutti di nuovo immersi nella routine. Non scrivo nella sezione #goodthingslist da un bel po' ormai, anche se continuo a riconoscere la sua utilità. Vi ricordo che #goodthingslist - è una lista che scrivo una volta al mese, dove guardo indietro e parlo delle cose belle che siano successe. Non devono essere necessariamente le cose grandi: basta che siano quelle che ti hanno reso felice, fiero di se stesso in qualche modo. Scrivere di questo aiuta ad avere in mente che le cose belle succedono, siamo noi che non li notiamo. Vi invito a scrivere la stessa cosa, in qualunque formato. Può essere una storia su Instagram, una nota sul cellulare o una pagina nell'agenda, se non vi va di renderla pubblica. L'intento è quello di essere più consapevoli degli avvenimenti, anche piccoli, della nostra vita, e notare come essi ci influenzano.

 

Allora, questo mese io...

  • Trascorso tanto quality-time con me stessa. Approfittando di 2 settimane nel letto con un virus, ho letto tanto, ho 'binge-watched' due serie TV e ho scritto abbastanza. Non lo facevo da tempo - prima sembrava di non avere mai tempo per queste cose. Ammetto che all'inizio mi sentivo anche un po' in colpa per questo (ma ne parlerò meglio in uno dei prossimi post). Invece, ora capisco che non è solo possibile, ma anche necessario dedicare qualche giornata a se stessi e godere la nullafacenza.
  • Ho trovato il coraggio di fare la mia newsletter. La prima uscirà il 5 febbraio - iscriviti ora per non perderla!
  • Ho superato un esame, l'esame che temevo dapprima di iniziare l'università. E l'ho superato con il voto massimo, il che mi fa capire che nulla è impossibile, se non ci mettiamo dei limiti davanti.
  • Ho iniziato ad interessarmi di più sull'ecologia. Mi sono iscritta ad un corso gratuito online (purtroppo, in russo) che, con le sue newsletter, aiuta a prendere coscienza su quello che consumiamo e sul nostro impatto sul pianeta. Solo studiandolo meglio, mi sono resa conto di quanto stiamo messi male.
  • Ho fatto parte in un video musicale e ho adorato l'esperienza di stare davanti ad una video-camera!
  • Ho iniziato a ristabilire il contatto con dei vecchi amici che non sentivo da anni. Purtroppo, nella maggioranza dei casi sono io che mi perdo di vista, ma quest'anno mi sono promessa di essere più attenta al mantenere le vecchie amicizie.
  • Ho conosciuto ed ho lavorato con delle persone creative che, con la sua passione verso quello che fanno, mi fanno credere ulteriormente nella possibilità di fare della passione il tuo lavoro.
  • Ho ridato la vita a questo blog, in cui non scrivevo da mesi, per capire di nuovo quanto mi piace scrivere.
  • Ho sentito delle parole di incoraggiamento talmente forti, e nel momento in cui ne avevo più bisogno, che ho cambiato il mio modo di pensare su alcuni aspetti della vita quotidiana. (e forse, scriverò un bel post anche di questo!)
  • Ho scoperto di aver superato il CPE!
  • Ho vinto il bando di partecipazione in un corso di formazione per mediatori artistico-culturali, la cosa che mi ha sempre attirato parecchio.

Nonostante alcuni alti e bassi (di cui non parlerò qui - è pur sempre la lista delle cose buone!), e nonostante che non vedo l'ora che questo gennaio finisca, è stato un mese molto intenso, e ne sono grata. Spero che lo era anche per voi!

 

Se vi va di condividere la vostra lista con me, basta taggarmi @andyregen , così che posso vederla.

pictures: pinterest