the lockdown

english

 

Never in my life have I thought that it'd be writing such a post. The humanity is going through a very challenging period right now, each and every one of us has felt on our own skin the effects of the pandemic. Some months ago I couldn't have imagined that such a tiny inconspicuous organism would defeat over 2 million people throughout the globe. Yes, it's the time of deep transformations and right now, like never before, we should hold on each other and pull together against the invisible monster.

 

I've thought a lot about how to organize this post. Thousands of posts have been written already on how to entertain oneself during quarantine, what to do, how to keep up with positivity, and so on. Social networks are exploding from the number of challenges out there, from the quantity of content - now that we all have that old good and so desirable 'free time', we came back to our long ago abandoned hobbies and passions. Maybe now it's the high time we realize what we are really into?

As a staunch introvert, I myself haven't freaked out at the news of the sudden quarantine. The only thought that saddened me was the fact that I'd miss out almost half of my Erasmus time. For the rest, we all needed some time at home, we all needed this period to understand a bunch of things. I agree with most of the people out there who admitted that we'll never come out of this quarantine as we were before. And yes, we need to learn the art of adaptability, especially in our frenetic world characterised by constant globalisation. Coronavirus emergency is something new and unexplored, hence creates a lot of anxiety inside our brains. In the absence of certain and solid information, our brains create billions of scenarios of how the situation is going to evolve - from the end of everything by mid-May until the most extreme and apocalyptic ideas. Well, first of all, to save yourself from excessive panic and anxiety, remember that mass panic is also a virus itself. Sometimes we logically understand that, for instance, we don't need five kilograms of pasta or humanity is not going to die out, but we still keep imagining the most improbable theories. Secondly, but I think this is the most important part, is to be selective and objective while reading the news. Honestly, these weeks I've seen so much trash out there on the web that it's not surprising for me that people are freaking out. It is extremely important to read the news only on the authoritative sources - not on Instagram/Facebook/VK, but on the website of WHO, official websites of your country's governments. And trust me, there's no point on frenetically checking the numbers of deaths - it will only add up to your anxiety. Hence, the so-called "information hygiene" is not less important than the normal one.

Moreover, it seems like the humanity has divided itself into two big groups: the one that's crazy about productivity, sports and general efficiency during the lockdown and the one that is spending these weeks merely moving from the couch to the bed with a pack of chips in hand. There's no right way to spend the quarantine. As I mentioned earlier, we're going through such a massive change for the first time in our generation, no one was ready for it and there's no universal guide on quarantine behaviour. It is okay that some of us find more energy these days and are being super productive. It is also okay that some of us feel blue and have no will to do anything. The key is not to be too hard on ourselves and demand too much from ourselves. Quarantine is also about slow living, about self-discovery and about learning something new. And this "something new" shouldn't necessarily be a new language or musical instrument. Even learning something new about ourselves is already a huge step forward. Without even being fully aware, we catch up on sleep, watch the movies or reading the books we always postponed watching/reading, reconnect with old friends and talk more with our relatives. Isn't it already something we should be proud of?

There's a point in the saying "If you think artists are useless, try to spend your quarantine without music, books, poems, movies and paintings." Yes, it's time to be creative, even if your life/profession are far from the artistic field. Not only can you try creating something yourself, but also learning something new and broaden your horizons. Hundreds of websites/schools/online entertaining platforms are offering free access to their content right now (J store, Coursera, Tinder, Russian Hermitage, Vogue Italia, to name a few. Just google it.)

Personally, I've launched a photo-challenge on my photography account, called, again, "The Lockdown" where I publish a picture a day during the quarantine. A lot of photographers are making worldwide shoots through FaceTime. Some people are journaling. Somebody is taking the watercolour brush in their hands for the first time in years. The possibilities are endless. Just keep in mind that the best books were written in isolation. Emily Dickenson, Michael Proust and Haruki Murakami wrote their best novels while closing themselves in four walls far from distractions. When we're alone, we can hear better the voice of our mind loneliness is the way to creation. We learn to hear our inner voice and make the best of it - yes, you could write books, but also you could just start to understand yourself better. 

Not every one of us had a "luck" to share their quarantine with other people, and some of us could feel lonely even in a house full of relatives. Needless to say that it is absolutely normal to feel more lonely than the usual, to miss somebody (even the people you're not to supposed to miss). Now more than ever we feel the need to text, call, connect. We feel the need to clear out our space from useless things and people cause now more than ever have we realised what matters the most: health, quality people around, financial stability and the roof over our heads. So let's be genuine and conscious about who and what surrounds us so that we can go out of this quarantine fulfilled and rested and not crazy and drained. We are in this together.

italiano

 

Mai nella mia vita avrei potuto pensato che sarei arrivata a scrivere un post simile. L'umanità sta attraversando un periodo molto difficile ora; ognuno di noi ha provato sulla propria pelle gli effetti della pandemia. Alcuni mesi fa non avrei potuto immaginare che un organismo così piccolo e, a primo impatto, insignificante, avrebbe sconfitto oltre 2 milioni di persone in tutto il mondo. Sì, è il momento di profonde trasformazioni e proprio ora, come mai prima, dovremmo aggrapparci e stare insieme contro il mostro invisibile.

 

Ho pensato molto a come organizzare questo post. Migliaia di post sono già stati scritti su come divertirsi durante la quarantena, cosa fare, come mantenere la positività dentro di noi e così via. I social network stanno esplodendo dal numero di sfide, dalla quantità di contenuti - ora che tutti noi abbiamo quel amato "tempo libero", siamo tornati ai nostri passatempi e passioni abbandonati da tempo. Forse ora è il momento che ci rendiamo conto di cosa ci piaccia davvero?

Essendo introversa, io stessa non ho dato di matto alla notizia dell'improvvisa quarantena. L'unico pensiero che mi rattristava era il fatto che mi sarei persa quasi la metà del mio periodo Erasmus. Per il resto, avevamo tutti bisogno di un po' di tempo a casa, tutti avevamo bisogno di questo periodo per capire un sacco di cose. Sono d'accordo con la maggior parte delle persone là fuori che hanno ammesso che non usciremo mai da questa quarantena come eravamo prima. E sì, dobbiamo imparare l'arte dell'adattabilità, specialmente nel nostro mondo frenetico caratterizzato da una globalizzazione costante. L'emergenza del coronavirus è qualcosa di nuovo e inesplorato, quindi crea molta ansia nel nostro cervello. In assenza di informazioni certe e solide, i nostri cervelli creano miliardi di scenari su come la situazione si evolverà - dalla fine di tutto a metà maggio fino alle idee più estreme e apocalittiche. Bene, quindi prima di tutto, per salvarti dall'eccessivo panico e dall'ansia, ricorda che il panico di massa è anche esso stesso un virus. A volte capiamo logicamente che, per esempio, non abbiamo bisogno di cinque chilogrammi di pasta o l'umanità non si estinguerà, ma continuiamo a immaginare le teorie più improbabili. In secondo luogo, ma penso che questa sia la parte più importante, dobbiamo essere selettivi e obiettivi durante la lettura delle notizie. Onestamente, in queste settimane ho visto così tanta spazzatura sul web che non mi sorprende che la gente stia impazzendo. È estremamente importante leggere le notizie solo sulle fonti autorevoli - non su Instagram / Facebook / VK, ma sul sito Web dell'OMS, i siti Web ufficiali del governo del tuo paese. E fidati di me, non ha senso controllare freneticamente il numero di morti - ciò aumenterà solo l'ansia. Pertanto, la cosiddetta "igiene dell'informazione" non è meno importante di quella normale.

Inoltre, sembra che l'umanità si sia divisa in due grandi gruppi: quello super produttivo, sportivo ed efficiente e quello che sta trascorrendo queste settimane semplicemente spostandosi dal divano al letto con un pacchetto di patatine in mano. Non esiste un modo giusto per passare la quarantena. Come ho detto prima, stiamo vivendo un cambiamento così massiccio per la prima volta nella nostra generazione, nessuno era pronto per questo e non esiste una guida universale sul comportamento in quarantena. Va bene che alcuni di noi trovano più energia in questi giorni e sono super produttivi. Va anche bene che alcuni di noi si sentano blu e non abbiano voglia di fare nulla. La chiave è quella di non essere troppo duri con noi stessi e pretendere troppo. La quarantena riguarda anche lo 'slow living', la scoperta di sé e l'apprendimento di qualcosa di nuovo. E questo "qualcosa di nuovo" non dovrebbe necessariamente essere una nuova lingua o uno strumento musicale. Anche imparare qualcosa di nuovo su noi stessi è già un enorme passo avanti. Senza nemmeno essere pienamente consapevoli, ci ritroviamo a dormire tante ore per recuperare il sonno perso grazie al lavoro o studi, guardiamo i film o leggiamo i libri che rimandiamo da sempre, ci riconnettiamo con vecchi amici e parliamo di più con i nostri parenti. Non è già qualcosa di cui dovremmo essere orgogliosi?

Ha senso la frase "Se pensi che gli artisti siano inutili, prova a passare la quarantena senza musica, libri, poesie, film e dipinti". Sì, è tempo di essere creativi, anche se la tua vita / professione è lontana dal campo artistico. Non solo puoi provare a creare qualcosa da solo, ma anche imparare qualcosa di nuovo e ampliare i tuoi orizzonti. Centinaia di siti Web / scuole / piattaforme di intrattenimento online offrono l'accesso gratuito ai loro contenuti in questo momento (J store, Coursera, Tinder, Russian Hermitage, Vogue Italia, solo per citarne alcuni. Basta cercarlo su Google).

Personalmente, ho lanciato una sfida fotografica sul mio account fotografico, chiamato, ovviamente, "The Lockdown" in cui pubblico una foto al giorno durante la quarantena. Molti fotografi stanno realizzando scatti in tutto il mondo attraverso FaceTime. Alcune persone scrivono diari. Qualcuno sta prendendo il pennello per acquarelli tra le mani per la prima volta da anni. Le possibilità sono infinite. Ad esempio, i libri migliori sono stati scritti in isolamento. Emily Dickenson, Michael Proust e Haruki Murakami hanno scritto i loro migliori romanzi chiusi in quattro mura lontani dalle distrazioni. Quando siamo soli, possiamo sentire meglio la voce della nostra mente. La solitudine è la via per la creazione. Impariamo a sentire la nostra voce interiore e trarne il meglio: sì, potresti scrivere libri, ma potresti anche iniziare a capirti meglio.

Non tutti hanno avuto la "fortuna" di condividere la propria quarantena con altre persone, e alcuni di noi possono sentirsi soli anche in una casa piena di familiari. Inutile dire che è assolutamente normale sentirsi più soli del solito, sentire la mancanza di qualcuno (anche le persone che non ti dovrebbero mancare). Ora più che mai sentiamo il bisogno di mandare messaggi, chiamare, connetterci. Sentiamo il bisogno di liberare il nostro spazio dalle cose inutili e le persone, perché ora più che mai ci siamo resi conto di ciò che conta di più: salute, persone di qualità, stabilità finanziaria e il tetto sopra le nostre teste. Quindi cerchiamo di essere sinceri e consapevoli di chi e cosa ci circonda in modo da poter uscire da questa quarantena compiuti e riposati e non pazzi e depressi. Siamo in questo insieme.