unwrapping the last decade

English version

 

As they say in that meme, 'shit, here we go again'.

Here we go, then, facing the last days of 2019, the last days of the decade and for that reason now it feels more special than ever before. Who knows me well, knows that I adore the New Year; for me, it always had special meaning and, despite what others say, I love the feeling of the new, of a fresh start, cause for me that's what the New Year symbolises. But now, on the threshold of a new decade, I feel anxious and... surprised. Awed, I'd say. Shocked by what this last decade gave to me. This is why I didn't want to write a classical "resolutions & summing up the year" post, but rather, look back and relive this past 10 years.

It's funny though how frightening does it sound to say “10 years ago”. I swear if I think of 2010 now, for me it’s like… 3? 5 years ago, maybe?

Back in 2010, I was on my last hear of school, back in my hometown, I’ve just changed school so I was on a peak of my teenage years. I was 14, active, puffy, desperately & unrequitedly in love, spending hours on the phone with my bestie, figuring out that I loved photography, coming up with “Andy Regen” and planning to enrol into translation university in a year. And then, 2011 happened,  with its total change: moving to Italy. If I have to sum up 2011-2016, the first five years of my life there, it would sound something like “strange”. Usually, when I speak about my lyceum years in Italy, I describe it as “total waste of time”, but frankly speaking, it wants totally like that. During those years a lot of things happened: first work experiences, love, getting wasted, eating disorders, new friends, lost friends. Moreover, I have mastered the Italian language, went on with my passion for photography, discovered that I’m also pretty much into writing, achieved my study goals with flying colours and changed my style zillion of times.

Moving to Italy was the biggest challenge for me in this decade. I switched from “I hate this place, I wanna go back home” to “thank god I didn’t miss this opportunity due to my stubbornness”. Yes, the first years were challenging af, but I made through it, which means… looking back I’m so damn grateful for it all. Moving on here goes the first real job experience. This experience taught me a lot, of course, not only work-wise and adulthood-wise but also it allowed me to make so many mistakes and learn from them. Although it didn’t end the way I imagined it to, and it was pretty traumatic for my the next months after it if it wasn’t for this experience, I wouldn’t be so conscious about what I want now and my self-value. In future, I will publish a post about it, but for now, I just want to underline that bad experiences are actually good ones, cause they make you grow and learn more about yourself. Yes, you make mistakes, but you start understanding more about people around you and you’re becoming aware of what do you want from yourself and your life. And it’s precious.

One of the things that this job experience taught me was the fact that I was longing for studying. Call me a nerd (i know, you’ve already done it in your head reading the first sentence), but studying, learning for me is an essential part of life. Whether it is school, university, online courses, people around you or street — as long as you learn and evolve, the time is never wasted. That’s why in 2017 I’ve decided to move on with my studies and enrol into the university. And you know what? It was the best decision I’ve made, so far.

University studies taught me two things: first of all, some people genuinely aspire to knowledge and that’s okay. Being a curious mind is a wonderful thing, although some people will try to convince you otherwise. Second of all, all study and no play will make you a very dull student. I’ve met wonderful, amazing, inspiring people during these years that taught me a lot as well, and I am infinitely grateful for it. But perhaps the most… enriching thing that my university allowed me to do was, and is, Erasmus. While writing this post, I’m officially in Erasmus in Sofia, Bulgaria. What at first was “my last chance to depart” turned out to be the best experience of my life. It allowed me to get over a very dark period of my life, meet new people, change a lot and become independent. Ending like this the decade is the best gift my life could have presented me.

 

And now? I am getting to the end of this year a bit melancholically, but happy. I don't know what to expect from 2020 (really, no idea); the resolution list is yet to be written, but I'm glad everything went the way it went and I feel no regrets. Life's an amazing thing if you open to it.

having said that, and not wanting to beat around the bush, i would like to conclude this post with 10 lessons that I’ve learned these 10 years.

 

  1. say ‘yes’ more often. it will give you opportunities and experiences you couldn’t even dream of.
  2. don’t worry to lose people. 9 times out of 10 it would be the best thing to make you evolve and get better.
  3. and speaking about getting better… unless you do it for yourself, and consciously, it’s a waste of time, nerves and amazing life moments.
  4. changes are scary, but so it staying at one place for the rest of your life.
  5. there are some things that you just cannot know until you do certain experiences in your life. don’t rush.
  6. being judgemental is a curse. open your mind by reading, talking, experimenting.
  7. you don’t get to choose your family, but it is not necessary that you get along well, but you do choose your day-to-day surroundings and that’s where you should feel safe.
  8. if you feel something or someone is wrong for you… chances are, it is. but even if you want to make a mistake anyway, do it but make it a conscious choice.
  9. learn to speak up for yourself and, for god’s sake, be confident. even if you’re not, you’re having millions of doubts, fake it till you make it. your confidence will lead you to unimaginable distances.
  10. in the end, life’s what you make it.

italian version

 

Eccoci qui, come in quel famoso meme — “shit, here we go again”. Sono gli ultimi giorni del 2019, gli ultimi giorni del decennio e per questa ragione, questo fine anno, ha più importanza del solito. Chi mi conosce bene sa che adoro Capodanno, per me ha sempre avuto un significato speciale e, nonostante quello che dicono gli altri, a me piace proprio quel sentimento di nuovo, di fresco, che simboleggia l’anno nuovo. Ora però, a cavallo del nuovo decennio, mi sento ansiosa e… sorpresa. Quasi impaziente, direi. Per questo, non volevo scrivere il classico post “resolutions dell’anno vecchio e piani per quello nuovo”, piuttosto vorrei guardare indietro e “rivivere” gli avvenimenti degli ultimi 10 anni.

 

È divertente però come può essere inquietante dire “10 anni fa”. Giuro che pensando al 2010, mi sembra che sia stato… quando? 3, o 5 anni fa? Tornando nel 2010, ero al mio ultimo anno di scuola nel mio paese, avevo appena cambiato scuola, avevo trovato nuovi amici, stavo godendo appieno i miei anni di adolescenza. Avevo 14 anni, ero attiva, un po’ “in carne”, disperatamente innamorata; trascorrevo le ore al telefono con la mia migliore amica, cercavo di capire cosa mi piacesse fare (e sono arrivata alla conclusione che è la fotografia); avevo creato “Andy Regen”, e avevo intenzione di iscrivermi alla facoltà di traduzione nella mia città. e poi, arrivò il 2011, e con esso è cambiato tutto: mi sono trasferita in Italia. Se dovessi riassumere i miei 2011-2016, ovvero i primi 5 anni di vita qui, sarebbe dicendo “è stato strano”. di solito, quando parlo dei miei anni di liceo, li definisco con le parole “perdita di tempo”, ma francamente, non è stato del tutto così. Durante quegli anni molte cose sono successe: le prime esperienze lavorative, gli amori, le rotture, le ubriacature, nuovi amici, amici persi, disturbi alimentari. Inoltre, ho cominciato a padroneggiare la lingua italiana, proseguito con la mia passione per la fotografia, ho scoperto la passione per la scrittura, ho raggiunto facilmente i miei obiettivi di studio e cambiato stile, più o meno, cento volte.

Il trasferimento per me è stato la challenge più grande di quest’ultimi dieci anni. Sono passata dall’ “odio questo posto, voglio tornare a casa” al “grazie a Dio non ho perso questa opportunità per la mia testardaggine”. Si, i primi anni erano difficilissimi, ma ce l’ho fatta, il che significa… guardando indietro, sono semplicemente molto grata per tutto questo. Andando avanti, arriva la prima vera e seria esperienza lavorativa, che mi ha insegnato non poco. Nonostante non sia finita come me l’aspettavo, e mi ha traumatizzato gli anni a venire, se non fosse stato per quell’esperienza, non sarei cosi cosciente ora di quello che voglio adesso. In futuro pubblicherò un post dedicato a questo, ma per ora mi limito a sottolineare che le esperienze brutte sono in realtà belle perché ti fanno crescere e scoprire un miliardo di cose di te stesso. Fallisci, capisci meglio le persone e inizi a renderti conto di chi sei e cosa vuoi dalla vita. È da apprezzare.

 

Infatti, una delle cose che quell’esperienza mi ha insegnato è stato il fatto che volevo continuare a studiare. Chiamami secchiona (beh, forse l’hai già fatto dopo aver letto la frase precedente), ma studiare, imparare per me è la parte essenziale dell’esistenza. Che sia scuola, università, corso online o la gente attorno a te — finche impari ed evolvi, non è mai tempo perso. Per questo, nel 2017, ho deciso di proseguire con la mia carriera accademica e iscrivermi all’università. fino ad oggi, è stata una delle decisioni più giuste della mia vita. L’università mi ha insegnato due cose principali: prima di tutto, ci sono le persone che sinceramente aspirano alla conoscenza ed è normale. Anzi, sono un’infinita fonte d’ispirazione. essere una mente curiosa è una cosa meravigliosa. In secondo luogo, solo studiare è noioso. Ho incontrato gente fantastica durante questi anni, i quali a loro volta hanno contribuito a costruire la me stessa di adesso. Ma forse, la cosa più bella e arricchente che mi abbia dato l’università è la possibilità di fare L’ Erasmus. Mentre sto scrivendo questo post, sono ufficialmente in Erasmus a Sofia, in Bulgaria. Quello che all’inizio era per me “l’ultima spiaggia” è diventata una delle esperienze più belle della mia vita. Mi ha permesso di superare un periodo difficile, incontrare gente nuova, cambiare e diventare indipendente. Finire il decennio così per me è il regalo più bello.

Detto questo, e non volendo allungare il brodo, concludo con 10 cose che ho imparato in questi 10 anni. (ovviamente non è tutto, ma in mente mi sono venute queste e forse, sono quelle più importanti).

 

  1. Rispondi sì più spesso. Ti darà le opportunità e esperienze che non potevi sognarti;
  2. non ti preoccupare di perdere le persone. 9 volte su 10 sarà la cosa migliore;
  3. E parlando delle cose migliori… migliorati, ma solo se lo fai per te stesso, consapevolmente. Se lo fai per qualcun altro, è solo una perdita di tempo, nervi e momenti preziosi della tua vita;
  4. I cambiamenti spaventano, ma è spaventoso anche rimanere in un punto fermo per sempre;
  5. Ci sono delle cose che arrivano solo con gli anni e con le esperienze: non andare di fretta;
  6. Giudicare gli altri è una disgrazia. Apri la mente attraverso libri, persone, nuove esperienze.
  7. Non scegli la tua famiglia, ma allo stesso tempo non è necessario che vada bene con le persone con cui hai un legame di sangue. Però, scegli chi ti circonda giornalmente, sono queste le persone che ti faranno sentire a casa;
  8. Se pensi che qualcuno o qualcosa sia sbagliato… molto probabilmente è così. Anche se alla fine decidi di fare un errore, fallo ma sii cosciente di ciò;
  9. Impara a difenderti e, per favore, coltiva l’autostima. Non è un compito facile, e francamente, io ancora sto imparando a farlo, ma il segreto è “to fake it till you make it”. La sicurezza in te stesso ti porterà dove meno te lo aspetti;
  10. E infine… la vita è ciò che ne fai.